UA-112080758-1
23 Giugno 2021
news
percorso: Home > news > PRIMA SQUADRA

Endiasfalti Agliana ospita Pielle. Mannelli: «È la sfida più difficile, la coesione è il nostro punto di forza»

25-05-2021 18:22 - PRIMA SQUADRA
Continua a ritmi serrati il cammino della Endiasfalti Agliana nella Poule Promozione. Archiviata la pratica La Spezia, per la squadra neroverde è già tempo di pensare al difficile impegno contro Pielle Livorno alle 21.15 al Capitini. I padroni di casa arrivano alla sfida col morale alle stelle dopo le due vittorie ottenute in altrettanti match e faranno di tutto per provare ad interrompere la corsa senza freni dei labronici.

La squadra di coach Da Prato però – nonostante la promozione in Serie B già conquistata – non è comunque avversario semplice da affrontare. Pielle possiede un roster lungo e qualitativo che permette ai livornesi di avere sempre un quintetto di grande qualità sul parquet. Le frecce più pericolose a disposizione dello staff tecnico di Da Prato sono senza dubbio gli ormai noti Iardella, Kuvekalovic e Lemma, ma occhio anche all'imprevidibilità di Tempestini e alla potenza dell'ultimo arrivato Thiam.

«La partita contro Spezia ci ha dato conferme e fiducia – esordisce coach Mannelli – ma siamo consapevoli di non aver fatto ancora niente, questi due punti ci hanno solo messo nella condizione di poter difendere il quarto posto ponendo in difficoltà coloro che ci inseguono. Adesso dobbiamo però evitare di fare calcoli troppo complicati o di metterci pressioni da soli, il nostro obiettivo deve rimanere sempre e solo la partita più vicina. Nel poco tempo ancora a nostra disposizione sarà importante migliorare alcuni aspetti tecnici e l'approccio mentale alla gara».

«Naturalmente quella con Pielle è la sfida più difficile perché loro hanno dimostrato di essere i più forti. Dico questo per due motivi: in primis perché loro hanno un roster di lusso per la categoria che col passare del tempo ha avuto modo di amalgamarsi sempre più ed arrivare ai risultati che vediamo. E poi perché noi, nel percorso, abbiamo perso pedine importanti che non ci hanno permesso una rotazione ampia come la loro. Alla luce di questo dovremo dunque concentrarci sulla nostra partita, consapevoli che davanti a noi avremo degli avversari che dalla panchina possono tirare fuori molteplici soluzioni senza perdere troppa intensità e qualità».

«La coesione di gruppo e la voglia di aiutare i compagni vista a La Spezia deve essere, come lo è stato tante altre volte, il nostro punto di forza. Durante tutto l'arco della stagione - conclude l'allenatore aglianese - è stato questo a marcare la nostra identità e a farci raggiungere i traguardi prefissati, abbiamo sempre cercato di mettere il compagno in condizione di fare il miglior tiro possibile. A La Spezia questo aspetto è tornato fuori, e da adesso in poi mi aspetto che l'unità della squadra aumenti sempre di più in modo che tutti i componenti che via via entrano in campo possano trovarsi nelle condizioni di mantenere alto il livello della prestazione».