UA-112080758-1
24 Ottobre 2020
news
percorso: Home > news > PRIMA SQUADRA

Serie C Gold: Endiasfalti Agliana contro Pielle Livorno. Mannelli: «Difesa forte!»

19-10-2018 13:47 - PRIMA SQUADRA
Si riparte da Livorno. La Endiasfalti Agliana è pronta ad affrontare il terzo turno del campionato di Serie C Gold, che la vedrà protagonista alle 18 di domenica 21 ottobre sui listelli di legno del PalaMacchia. Di fronte la corazzata Pielle Livorno, che insieme a Lucca e Firenze compone il terzetto di squadre che con ogni probabilità di giocherà l’accesso alla Serie B.

La Pallacanestro Agliana arriva all’appuntamento con la fame e la sana rabbia di chi ha perso una gara agli ultimi possessi e con molta voglia di togliere lo zero dalla classifica dopo i ko contro Legnaia e Castelfiorentino. Ma anche la consapevolezza di trovarsi di fronte un’avversaria forte e con pochi punti deboli. L’avvicendamento tra Fiorello Toppo e Roberto Bertolini ha portato a Livorno un centro reduce da due stagioni consecutive in B con San Miniato che dopo due gare viaggia già a 20 e 8 rimbalzi di media. Accanto a lui, partono titolari Benini, Loni, Burgalassi e la bocca da fuoco Tommaso Dell’Agnello. I labronici sono a punteggio pieno dopo le vittorie contro Lucca e Valdisieve.

La Endiasfalti arriva all’appuntamento in emergenza nel reparto esterni, dove mancherà Zaccariello (da valutare i tempi di recupero) e dove in diversi sono in dubbio, tra cui Limberti. «Dovremo cercare di rimanere sul pezzo – avverte Tommaso Mannelli – e continuare a lavorare come stiamo facendo, senza pensare a niente perché la stagione è appena iniziata. Sarà importante tener botta – prosegue - contro una squadra che ritengo sia fra le prime due del campionato. Questo non vuol dire che non si possa andare a Livorno e con le nostre caratteristiche rimanere attaccati alla partita per giocarcela fino alla fine. Pielle è una squadra che ti attacca sempre e a cui piace correre. L’importante sarà non mollare fino al 24esimo secondo di difesa – chiosa l’allenatore neroverde – perché sono bravi a gioco rotto a riattaccare 1vs1. Facciamo attenzione nelle rotazioni e non molliamo finché non abbiamo la palla tra le mani».