UA-112080758-1
06 Agosto 2021
news
percorso: Home > news > PRIMA SQUADRA

Endiasfalti Agliana si sposta a Castelfiorentino. Mannelli: «Per noi una settimana cruciale»

07-04-2021 00:19 - PRIMA SQUADRA
Dopo due settimane di pausa, una da calendario e una causa rinvio, è tempo di tornare sul parquet per l’Endiasfalti Agliana. Il girone di ritorno dei neroverdi non inizia certo con il più semplice degli ostacoli, l’avversario di mercoledì 7 aprile sarà infatti l’ABC Castelfiorentino (ore 21.15, PalaBetti). La sfida infrasettimanale presenta per Agliana, numeri alla mano, un vero e proprio crocevia per il prosieguo della stagione.

La squadra allenata da coach Betti è al momento con otto punti al comando della classifica del girone B di C Gold al pari con l’Endiasfalti, avendo però giocato due partite in più dei neroverdi. Il punto di forza dell’ABC, come visto al Capitini all’andata, è sicuramente il tiro dalla lunga distanza e il gioco perimetrale. Il roster gialloblù presenta diverse soluzioni offensive di valore, ma i più pericolosi sono senza dubbio Pucci, Scali, Corbinelli e Belli. Nell’ultima gara con Valdisieve però si è messo in mostra anche il classe ‘99, Daly.

«In questo momento, se guardiamo la classifica e i risultati, quella tra Agliana e Castelfiorentino è la partita che può decidere il girone – esordisce coach Tommaso Mannelli -. Per noi sarà fondamentale rimanere concentrati per tutti i quaranta minuti e giocare al meglio delle nostre possibilità per provare a vincere. Un’eventuale successo al PalaBetti, oltre a una grande spinta verso la seconda fase di promozione, ci darebbe un vantaggio di 2-0 contro una diretta concorrente. Allo stesso tempo però, vincendo con ABC, daremmo modo a Montecatini di recuperare terreno e quindi diventerebbe cruciale anche lo scontro diretto con i rossoblù della prossima domenica. Insomma - riassume Mannelli - stiamo affrontando la settimana che decide la nostra annata, e può assumere varie sfaccettature in base ai risultati».

«Sarà importante - prosegue l'allenatore aglianese - riproporre la continuità di gioco vista all’andata senza farsi condizionare dai loro giocatori di striscia che, al di là di come difendiamo, possono trovare canestri difficili. Dovremo avere per tutta la partita l’attenzione vista nel terzo e quarto quarto del match d’andata. Dovremo assolutamente evitare di vivere il momento ma piuttosto sarà importante concentrarsi sui 40 minuti. Nei momenti in cui loro avranno sprazzi offensivi, a maggior ragione se giocano in casa, dovremo essere pazienti e fare in modo che la nostra difesa abbassi le loro percentuali, tornando gradualmente a controllare il ritmo del gioco».

«Castelfiorentino è una squadra in grande fiducia e inoltre - conclude Mannelli - ha più ritmo partita rispetto ad Agliana. A differenza nostra nelle ultime due settimane loro sono scesi in campo e potranno dunque essere sì più stanchi a livello fisico ma allo stesso tempo avranno energie extra dettate dai risultati ottenuti. Giocare con Prato sarebbe stato fondamentale per riprendere confidenza col parquet, quindi adesso dovremo sfruttare i primi due quarti con Castello per rompere il fiato. Sapendo però che questo aspetto ci avrebbe portato a delle difficoltà lo abbiamo curato molto in allenamento e spero che i risultati siano visibili da subito».