UA-112080758-1
21 Ottobre 2020
news
percorso: Home > news

UNDER 19 - NON CI SONO ALTRE PAROLE PER DEFINIRLI: CAMPIONI.

28-05-2013 23:30 -
Gara di finale assolutamente vietata ai deboli di cuore, a causa di un improvviso black out che ha attanagliato i neroverdi, incapaci di andare a canestro dal 28° al 36°. Gara subito in mano dei neroverdi, che, assorbito senza battere ciglio l´unico vantaggio iniziale di Piombino (0-4 al 1°) ad opera del suo uomo forte Noto, prende subito il largo con De Leonardo, Gori e Belotti, chiudendo il primo parziale sul 19-13.

La Nuova Comauto tiene il campo con estrema autorità, chiudendo qualsiasi via che passi dalle parti del canestro, e mentre per Piombino si fà dura, Agliana, sempre con De Leonardo, Mancini, Meoni e Belotti si porta sul massimo vantaggio della gara (40-22 al 20°). Anche il terzo parziale inizialmente conferma il predominio dei neroverdi, che controbattono con forza ai tentativi arrembanti dei padroni di casa, con canestri chirurgici di Belotti, Mancini e Gherardeschi (51-33 al 27°). Improvvisamente la Nuova Comauto sembra smarrire tutte le sue sicurezze, e mentre Piombino, sospinta di peso da Noto compie un parziale recupero (51-43 al 30°), per i neroverdi il canestro si fà piccolo piccolo, direi quasi invisibile . La cosa non sfugge ai portuali, che insistono giocando la loro carta migliore, la fisicità, e pur trovando qualche difficoltà a superare la difesa neroverde, al 36° compiono quella che sembrava una missione impossibile. Cacciottolo in contropiede segna il canestro del 51 pari, con un palatenda divenuto una bolgia infernale di tifo, ma le emozioni forti non sono ancora finite e l´uscita per falli di Noto crea diversi problemi alla causa Piombinese. Improvvisamente, come si era spenta, si risveglia la Nuova Comauto, che trova un canestro di importanza capitale con Gori, che si inserisce dalla sinistra sorprendendo i difensori, e subito a ruota, su un recupero palla, Mancini ancora da sinistra trova una tripla dagli effetti devastanti (56-51 al 37°), che gela il palatenda e manda in tilt la ritrovata sicurezza dei padroni di casa. Gherardeschi contiene con un canestro e fallo i sempre più timidi tentativi di recupero di Piombino, (59-54 al 39°), e De Leonardo, mandato in lunetta con il fallo sistematico, realizza un 4 su 4 che consegna la vittoria e il titolo regionale alla squadra assolutamente più meritevole.


NUOVA COMAUTO AGLIANA - SOLBAT PIOMBINO: 63-57

Nuova Comauto Agliana: Paghi 1, De Leonardo 19, Menici, Gori 6, Belotti 11, Vizzini, Mancini 7, Meoni 4, Capecchi 1, Bonacchi 2, Gherardeschi 12, Tonni. All.re: Filippo Toccafondi - Vice: Matteo Bongi

Solbat Piombino: Balestri 5, Malfanti, Fiasachi 2, Cacciottolo 4, Montagnani, Bellatalla, Manetti 4, Pecchia 8, Salvadori 2, De Santis 11, Righi 6, Noto 15. All.re: Mario Bini - Vice: M. Iacopini.

Arbitri: Filippo Macigni e Giorgio Poli - Parzisali: 19-13 40-22 51-43 63-57