UA-112080758-1
21 Novembre 2019
news
percorso: Home > news > PRIMA SQUADRA

C Gold: Endiasfalti Agliana in gara 4. Mannelli: «Affidiamoci alla nostra pallacanestro»

05-06-2019 08:49 - PRIMA SQUADRA
Altra settimana, altra partita da dentro fuori. Il giugno della Endiasfalti Agliana è iniziato nel migliore dei modi visto che iin gara 3 neroverdi hanno costretto Pino Firenze alla prima sconfitta stagionale dopo 38 vittorie ma non c’è stato tempo per festeggiare poiché questa sera le luci al Capitini si accendono di nuovo. La posta più grossa è sempre in palio per l’Enic, che in caso di vittoria taglierà la retina e festeggerà la promozione in Serie B. Difficile quindi non ammettere quale livello di difficoltà dovrà fronteggiare la truppa di Mannelli, che proverà a tutti i costi a pareggiare la serie e raggiungere la “bella” di Firenze.

Al Capitini ha fatto grande differenza la difesa della Endiasfalti, che ha limitato gli avversari a 58 punti segnati e addirittura 23 nel primo tempo. Gli aglianesi hanno messo da parte la stanchezza e hanno serrato le proprie fila, sia sotto le plance che fuori dall’arco, dove Firenze era stata infallibile in gara 1 e 2 al PalaCoverciano. Rimanere concentrati e uniti nella propria metà campo sarebbe già un bel modo per approcciare questa partita, poi non dovranno mancare quelle giocate di qualità in attacco che hanno fatto la differenza in gara 3 e infuocato il Capitini. Anche perché, nonostante tutti gli obiettivi prefissati (e non solo) siano stati raggiunti, questa squadra e questo staff tecnico hanno ancora fame di soddisfazioni.

«In gara 3 sono state le nostre qualità mentali e la capacità di giocare la nostra pallacanestro che ci hanno permesso di vincere – così esordisce coach Tommaso Mannelli – ma per noi deve essere un punto di partenza e non di arrivo e abbiamo lavorato per far sì che la squadra possa dar seguito a quanto fatto vedere sabato. Sappiamo che è un’altra partita da dentro fuori - prosegue - con tutto ciò che questo comporta e quindi ho chiesto massima concentrazione e attenzione in difesa, dove siamo riusciti a contestare tanti tiri e sporcare le loro percentuali. Dobbiamo rimanere fedeli ai nostri punti di riferimento tecnico-tattici, l’unico modo per fronteggiare la loro fisicità ed energia, rimanendo uniti anche quando la partita ci metterà di fronte delle difficoltà».