UA-112080758-1
28 Ottobre 2020
news
percorso: Home > news > PRIMA SQUADRA

C Gold: Endiasfalti Agliana, gara 3 da dentro o fuori. Quante emozioni al Capitini!

31-05-2019 19:33 - PRIMA SQUADRA
Ci eravamo lasciati con una tripla di Alessandro Nieri che, allo scadere, affondava Castelfiorentino e mandava la Endiasfalti Agliana in finale. È questa l’ultima immagine che ci compare in testa se pensiamo al Capitini. A due settimane di distanza da quella grande notte, la Endiasfalti torna a calcare il proprio parquet e per di più in un match molto simile a quello sopracitato: come allora, perdere vorrebbe dire chiudere la propria stagione. La propria fantastica stagione, resa storica dal raggiungimento della finale.

Dopo le due sconfitte nelle partite disputate al PalaCoverciano dell’Enic Firenze, la finale di C Gold si sposta ad Agliana per gara 3, anche primo match point per i fiorentini. Come nelle precedenti due occasioni, i neroverdi scendono in campo con un obiettivo tanto chiaro quanto difficile: interrompere l’imbattibilità della squadra di Del Re che dura da ben 38 partite. Dalla parte della Pallacanestro Agliana c’è una crescita importante tra gara 1 e 2 che fa ben sperare e poi c’è l’apporto del proprio palazzetto. Vero è che arrivati a giocare al primo di giugno c’è da fare i conti non solo con il gap tecnico ma anche con quello fisico, e Firenze ha un roster profondo che le permette di gestire al meglio tutte le fasi della gara.

«In questi due allenamenti ci siamo concentrati su noi stessi – esordisce coach Tommaso Mannelli – perché anche in gara 2 abbiamo commesso degli errori tecnici che nell’economia della partita hanno pesato molto. Arriviamo a giocare ad Agliana, davanti al nostro pubblico, con l’obiettivo di crescere ancora all’interno di questa serie e fare tutto ciò che è nelle nostre possibilità per mettere in difficoltà Firenze. Non c’è solo la componente tecnica: siamo in una fase della stagione in cui l’aspetto fisico condiziona le scelte in campo e chi ne ha di più parte con molto vantaggio. Siamo consapevoli - conclude - che potrebbe essere l’ultima partita della stagione e questo deve darci qualcosa in più per allungare la serie perché abbiamo ancora tanta energia mentale e voglia di lavorare e nessuna di andare in vacanza».